Conflitti condominiali. Un gioco in scatola "risolutivo".


Massimiliano Ferrari, ideatore di Medianos

“Quorum Rosa condominio al femminile” promuoverà nell’ambito di Condominio Eco (sabato 12 novembre dalle 16 alle 17,45), un divertente e istruttivo momento di formazione imperniato su un gioco in scatola in forte crescita di popolarità fra gli addetti ai lavori: nato allo scopo di divulgare la cultura della mediazione civile. “Gestire i conflitti con Medianos”, questo il titolo dell’appuntamento che avrà per cornice la sala Meeting di Ecoarea (sede di svolgimento di Condominio Eco), consente ai giocatori di risolvere la disputa di una controversia, ad esempio fra vicini, in maniera totalmente nuova e alternativa. L’obiettivo è la ricerca di una soluzione del problema attraverso un approccio “out of the box” rispetto a quanto ordinariamente avviene quando si demanda la decisione del conflitto ad un soggetto “terzo” (giudice o arbitro).


La locandina dell'evento

Ciò può avvenire attraverso il progressivo abbandono delle posizioni iniziali, verso la ricerca di soluzioni creative e sostenibili, che possano appagare tutti i partecipanti. Il board game Medianos, ideato dal commercialista lecchese Massimiliano Ferrari (dal 2010 anche mediatore civile), vanta oggi una community di appassionati gamer costituita da oltre 400 persone. Sarà dunque molto spassoso conoscere da vicino questa modalità di risoluzione delle tensioni fra diverse posizioni: frequentissime in ambito condominiale! Niente di più indicato per un’edizione di Condominio Eco che con il suo titolo interrogativo: “Condominio Quo Vadis?”, sembra rimandare alla necessità di una risposta che appiani definitivamente i conflitti esistenti nel “mondo condominio”, ora più che mai alla ricerca di un piano B per superare tante impasse in armonia.




La fiera delle tecnologie, dei prodotti e dei servizi dedicati alla riqualificazione energetica del condominio, per anni ospite di Ecomondo, torna col nuovo format FORUM & EXPO presso lo smart building Ecoarea di Rimini. Ingresso gratuito previa registrazione.